All’età di quindici/sedici anni sono caduto nella rete, devo ammettere gradevole, del rock alternativo; fino a quel punto della mia giovane vita non avevo sviluppato una preferenza musicale netta e definita, ma piuttosto saltavo sulle onde radio fermandomi quando l’orecchio gradiva o riconosceva qualcosa di mia approvazione.

Fatale fu per me l’ascolto di un gruppo all’epoca ancora poco conosciuto in Italia, anche se dall’altra parte dell’oceano si presentavano come evento di un periodo musicale denominato grunge. La band colpevole erano chiaramente i Nirvana, e le prime note ascoltate furono “Smells Like Teen Spirit” dall’album Nevermind; l’estate del ’92 era carica di questa canzone, che mi sembrava, e tuttora ne sono convinto, il pezzo più potente e liberatorio che ci sia stato negli ultimi dieci anni.
Fatto sta che da lì in poi la passione per quel genere è cresciuta moltissimo, conoscendo gruppi ormai famosi e affermati come Pearl Jam, Soundgarden e i sempre magici Alice in Chains; quando si ha a che fare con queste cose si vuole sempre passare da consumatore di musica a creatori di musica, almeno nella mente di un adolescente.
Dopo aver rotto le palle per autunno ed inverno, ed aver messo da parte dei soldi, i miei genitori mi hanno acquistato lo strumento da me richiesto: un basso elettrico. Devo dire che sono caduto in piedi poiché lo strumento è di ottima fattura e anche supportato da un amplificatore.

Le successive evoluzioni, formazioni musicali e esperienze le lascio da parte, per questa volta; il kernel di oggi è che ho ritrovato nella mia ormai incasinatissima banca dati due tracce demo, se così si possono chiamare, di una band musicale Ozierese: i Negative Capability. La formazione era basata su Antonello Porcu alla batteria, Giovanni Fresu al basso, in un primo tempo Marco Pudda alla chitarra, successivamente sostituito da Elia Contini, ed infine Gavino Bellu alla voce e chitarra.

Le due tracce sono un esempio di quel forte stimolo che porta a voler fare musica, oltre che ascoltarla; ho deciso di mettere on-line le due canzoni di maniera che possano essere scaricate da chi fosse interessato, anche perché ormai non le posso più restituire ai legittimi proprietari…purtroppo.

0saves
Se ti è piaciuto questo articolo puoi commentare oppure condividerlo online tramite i social network.
Se invece mi adori e non vuoi perderti nemmeno uno dei miei post puoi iscriverti al Feed RSS.